Il cuscino antirussamento

Due parole sul russamento

Due parole sul russamento

Quello del russamento è un problema che affligge molte persone e che causa un notevole disagio non solo a chi ne soffre, ma anche al suo partner ed ai suoi familiari conviventi, creando spesso delle disarmonie, conflitti e situazioni di tensione.

Infatti, oltre  che a costituire un fastidio per gli altri, i russare porta danni alla salute di chi ne soffre, in quanto limita la qualità del suo sonno compromettendo il suo riposo, con una serie di conseguenze spiacevoli durante la giornata successiva.

Alla base del russamento c’é un’impedimento nel passaggio dell’aria attraverso le prime vie respiratorie dovuto a dei problemi meccanici, in genere temporanei, che provocano una vibrazione dei tessuti molli del palato, della parte posteriore della lingua, delle tonsille o del tratto finale del setto nasale, provocando il caratteristico rumore del russare.

Questo disturbo può anche essere il sintomo di roncopatia cronica, un problema che causa,

  • il russare discontinuo per tutta la notte,
  • il conseguente ridotto apporto di ossigeno all’organismo,
  • il rischio che si evolva nella sindrome di apnee del sonno.

 

russare

Per evitare che il problema del russare diventi cronico, fastidioso per i familiari e debilitante per sé stessi, è occorre  trovare un rimedio che possa in qualche modo favorire il corretto passaggio dell’aria e una migliore respirazione.

Il cuscino antirussamento può essere lo strumento utile per contrastare questo problema – qualora si presenti in maniera lieve – grazie alla tipica conformazione, studiata per sostenere la testa e il collo con una lieve inclinazione, evitando i fenomeni di ostruzione delle vie respiratorie.

In che modo il cuscino può giovare

In che modo il cuscino antirussamento può giovare

Il cuscino antirussamento si rivela utile per contrastare il fenomeno del russamento lieve.

Infatti, grazie alla sua “tipica”conformazione appositamente studiata per sostenere in modo adeguato la testa ed il collo, e con una lieve inclinazione, evita che si verifichino degli episodi di ostruzione delle vie respiratorie.

Si tratta di uno speciale cuscino pensato appositamente per consentire un più libero passaggio d’aria nel naso e nella gola. Ma non solo per favorire il passaggio dell’aria.

I cuscini antirussamento oggi sul mercato sono progettti in modo da offrire anche un sostegno ideale alla muscolatura del collo, del tratto cervicale e delle spalle. Ed anche questo giova alla qualità del sonno.

Utilizzare un cuscino antirussamento è l’ideale per evitare di svegliarsi continuamente a causa della difficoltà dovute ad una respirazione non corretta ed anche per favorire una posizione nel sonno rilassata e riposante.

In base a degli studi effettuati sui soggetti utilizzatori di questi cuiscini, è stato riscontrato un notevole miglioramento non solo riguardo al fenomeno del russamento ma anche per quanto riguarda la qualità del sonno.

Le qualità di un buon cuscino

Le qualità di un buon cuscino cuscino antirussamento

In commercio è possibile trovare diverse tipologie di cuscini antirussamento.

Ognuno può scegliere il modello più adatto in relazione al problema da risolvere, alle abitudini personali e all’eventuale presenza di disturbi e patologie a carico della colonna vertebrale e delle vertebre cervicali.

Il cuscino antirussamento “ideale” è  in schiuma poliuretanica di tipo memory foam, una schiuma che é in grado di adattarsi alla conformazione e al peso del corpo e di ridurre al minimo la sua pressione sul corpo stesso.

La conformazione del cuscino antirussamento più adatta per ridurre il problema del russamento è data una curvatura anatomica che ci permetta, quando si dorme, di tenere una posizione che sia ideale, sia per la respirazione, sia per la salute della colonna vertebrale, sia per ridurre anche i disagi legati al problema del reflusso gastroesofageo.

A parte ciò è  sempre consigliabile optare per  un cuscino anatomico antirussamento realizzato in materiali di alta qualità, anallergico e antibatterico -meglio ancora se certificato come dispositivo medico che, il cui costo, ricorrendone le condizioni, è anche detraibile nella dichiarazione dei redditi – dotato di un rivestimento esterno in tessuto tecnico rimovibile e lavabile, in modo da garantire la massima igiene.

I cuscini ergonomici supplementari

I cuscini ergonomici supplementari

Per le persone che sono abituate a dormire sul proprio cuscino e non desiderano sostituirlo, l’alternativa al “classico” cuscino antirussamento è affidarsi ad un cuscinetto ergonomico supplementare (rispetto a quello che già posseggono).

Si tratta di un cuscino dallo spessore ridotto, ma ugualmente conformato in maniera anatomica per favorire il riposo, per sostenere il collo e la cervicale, e per favorire quando si dorme il mantenimento di una posizione corretta, in modo da diminuire la possibilità di russare e di dare maggiori condizioni di comfort e di relax.

Questo tipo di cuscino supplementare determina un supporto più elevato per quando si dorme in  posizione laterale, in modo da ridurre la pressione e la tensione del collo, da mantiene una corretta curvatura della spina dorsale, e  da contribuisce a mantenere una corretta apertura delle vie respiratorie.

Il cuscino per mantenere la posizione laterale

Il cuscino antirussamento per mantenere la posizione laterale

posiform

Nella maggior parte dei casi, il fenomeno del russare si manifesta quando, durante il sonno, il corpo sta in posizione supina.

Per evitare questo problema, è possibile ricorrere ad un tipo di cuscino conformato in modo tale da riportare la testa nella posizione laterale in maniera dolce e naturale, riducendo di conseguenza il senso di tensione del collo e delle vertebre cervicali.

Il cuscino Posiform, ad esempio, è dotato di un rigonfiamento centrale che fa in modo che la testa si inclini naturalmente sul fianco.

Il cuscino tecnologico

La novità più recente, il cuscino tecnologico

L’ultima novità in fatto di cuscini antirussamento è il modello di cuscino dotato di sensori interni che, seguendo i movimenti del soggetto utilizzatore durante il sonno, lo inducono a mantenere una posizione corretta senza disturbare il sonno.

I sensori del cuscino antirussamento rilevano subito il rumore causato dal russare e provocano un rigonfiamento dei cuscinetti d’aria situati all’interno del dispositivo, modificando la posizione della testa fino al momento in cui la vibrazione della lingua e della gola di chi russa che provoca il caratteristico suono si interrompe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto