Anatomia del piede

La struttura del piede è composta da 26 ossa, cioè un quarto delle ossa del corpo, che si articolano in 33 punti. Ci sono quattro strati di muscoli interni al piede e oltre cento legamenti responsabili dell’unione delle ossa.

Gli anatomisti dividono la struttura del piede in tre sezioni: il retropiede, il metatarso e l’avampiede. Il retropiede è costituito dal calcagno – il tallone – e dall’astragalo, che si trova sopra e si articola con il calcagno. Il mesopiede è composto da cinque ossa – navicolare, cuboide e tre cuneiformi. Combinate, le sette ossa del posteriore e del metatarso formano il gruppo tarsale. Le falangi e i metatarsi, cioè le dita dei piedi e le lunghe ossa che si collegano al mesopiede, compongono l’avampiede.

La struttura del piede è composta da tre archi: l’interno, l’esterno e il trasversale. Qualsiasi arco funzionale è composto da due pilastri che cadono l’uno verso l’altro con una volta nel mezzo. La differenza tra gli archi del piede è che sono in grado di appiattirsi e poi tornare alla posizione precedente: sono quindi la molla di ciascun passo.

Questa capacità è una delle meraviglie del piede umano. La capacità delle ossa di fissarsi in un arco solido o arcuato, che ci spinge al prossimo passo. Inoltre, il movimento delle ossa consente al piede di adattarsi a vari terreni. Dal punto di vista energetico, la capacità degli archi di appiattirsi e fare da molle è cruciale per fare l’uso migliore dei muscoli e delle ossa.
L’arco interno comprende il calcagno, l’astragalo, il navicolare, i primi tre cuneiformi e i primi tre metatarsi. L’arco esterno è il calcagno, il cuboide e il quarto e il quinto metatarso. Infine, l’arco trasversale attraversa il mesopiede e contiene i tre cuneiformi e il cuboide. Si noti come essenzialmente viene diviso il peso del nostro piede su un triangolo di supporto, con il peso principale che cade sull’arco interno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto