Taurina: cos’è, come agisce, quali i suoi effetti benefici

taurina
La taurina o acido 2-amminoetanosolfonico.
La taurina, o acido 2-amminoetanosolfonico

La taurina, o acido 2-amminoetanosolfonico

Per quanto siano oggi largamente diffuse diverse convinzioni e leggende circa la sua origine, la taurina non proviene assolutamente dai testicoli del toro: si tratta invece di un composto organico (acido amminoetansolfonico) presente naturalmente nell’organismo di molte specie viventi, compresi gli esseri umani. [1]

É stata, questo è vero, individuata per la prima volta nella bile del toro, ma può essere anche sintetizzata in laboratorio partendo dall’ossido di etilene e dal bisolfito di sodio.

Quella presente negli energy drink viene solitamente sintetizzata in laboratorio.

Grazie alle proprietà benefiche che le sono state attribuite, la taurina la si trova spesso tra gli ingredienti delle bevande energetiche (tutti conoscono e hanno provato almeno una volta la Red Bull).

Infatti, pur non trattandosi di un aminoacido essenziale (quindi, in quanto amminoacido non indispensabile, o condizionale), è di fondamentale importanza nello sviluppo dei bambini prematuri e – in genere- nel proteggere la struttura dei muscoli e delle ossa.

Nel corpo umano, la taurina la si trova nei tessuti nervosi, nel cuore, nelle ossa, nei muscoli, e nei globuli bianchi.

Si forma nel fegato, in presenza di cisteina e di metionina e di una sufficiente dose di vitamina B6.

E’ un composto totalmente naturale, è reperibile anche in diversi alimenti, tra cui la carne, in alcuni tipi di legumi e di frutta secca, di frutti di mare e di molluschi.[2]

Nell’età adulta una carenza di taurina è abbastanza rara, tuttavia nella maggior parte dei casi la si risolve con la somministrazione della sostanza per via orale o endovenosa.

Proprietà, funzioni, utilizzi

Proprietà, funzioni, utilizzi

Abbiamo detto che la taurina costituisce anche un ingrediente di molte bibite e di caramelle energetiche. E’ presente anche in molti integratori alimentari.

Come integratore energetico, la taurina – di cui non è stata ancora individuata con esattezza una funzione specifica – è molto apprezzata dagli sportivi ed è comune ritenuta una sostanza molto versatile.

E’ infatti molto probabile che ognuno di noi, dalla sua assunzione possa trarre benefici diversi in relazione sia alle abitudini di vita, sia alla dieta, che alle condizioni fisiche.

É comunque particolarmente utile, sia durante l’attività sportiva, sia nei periodi di recupero dallo sforzo atletico.

La necessità di assumerla attraverso l’alimentazione è dovuta al fatto che noi, esseri umani, a differenza di altre specie, non siamo in grado di sintetizzarla.

Per tale ragione la possiamo reperire solo in determinati alimenti. Da ciò consegue che soprattutto chi segue un regime alimentare vegano o vegetariano, potrebbe essere a rischio di carenze.

I neonati possono invece disporre di una sufficiente dose di taurina attraverso l’allattamento al seno materno.

Nei neonati pretermine un’insufficienza di taurina comporta un ridotto assorbimento dei grassi, secrezione degli acidi biliari, funzionalità retinica e funzionalità epatica, cose che possono essere annullate con l’integrazione di taurina.

Pertanto, per questi la taurina può essere considerata (di fatto) un aminoacido essenziale [3]

Le funzioni principali della taurina all’interno del nostro organismo sono quelle,

  • della formazione dell’acido biliare, [4]
  • del controllo delle contrazioni muscolari e delle reazioni osmotiche cellulari, [5]
  • oltre ad un effetto antiossidante dei tessuti. [6]

Un adeguato livello di taurina contribuisce,

  • a migliorare le funzioni digestive, [7]
  • a mantenere basso il livello di colesterolo, [8]
  • a proteggere il sistema cardiovascolare, [9]
  • a contrastare il sopravvenire dei crampi muscolari.

Per chi pratica un’attività sportiva, il fatto di assumere taurina è utile,

  • a contrastare il senso di fatica e stimolare il metabolismo e di conseguenza a favorire il dimagrimento,
  • ad incrementare la forza muscolare e la resistenza agli sforzi. [10, 11]

La taurina svolge anche le funzioni di,

  • neurotrasmettitore inibitorio, tanto da essere usata nei casi di epilessia e nelle depressioni, [121314]
  • stimolatore del sistema immunitario naturale, [15]
  • protettore nei confronti della retina e della vista. [16]

Dal punto di vista medico, nell’uomo la taurina potrebbe (usiamo il termine potrebbe in quanto, al momento, numeosi studi sulla taurina sono stati fatti solo su  animali) rivelarsi utile,

  • in alcune forme di diabete, [17, 18]
  • nella degenerazione della macula,
  • nella cura di patologie epatiche e cardiovascolari, [19]
  • nel trattamento delle malattie provocate dai processi di ossidazione e dell’alcolismo,
  • nel morbo di Alzheimer e nella fibrosi cistica.
L’assunzione regolare di taurina

L’assunzione regolare di taurina

Nel caso di un’alimentazione varia ed equilibrata, le carenze di taurina sono rare.

Tuttavia in alcuni casi specifici, ad esempio nel caso di atleti professionisti, potrebbe essere necessario intervenire con un’integrazione di taurina, di solito associata a sali minerali e vitamine, in una dose massima di 8 grammi al giorno ma comunque variabile da una persona all’altra.

Prima di far ricorso degli integratori alimentari di qualsiasi tipo, è raccomandabile sempre chiedere il parere del proprio medico di fiducia, specialmente per da parte di chi soffre di patologie croniche e segue una terapia farmacologica specifica.

La taurina pura viene somministrata raramente, e solo dietro prescrizione medica.

In commercio esistono anche degli integratori a base di taurina dalle presunte doti afrodisiache, che dovrebbero prolungare il tempo di erezione e la produzione di sperma, tuttavia questo effetto non è mai stato provato scientificamente.

I suoi effetti collaterali

I possibili effetti collaterali della taurina

Se non si eccede nelle dosi, normalmente gli integratori alimentari a base di taurina non comportano effetti collaterali significativi.

In alcuni soggetti, occasionalmente potrebbero verificarsi dei fenomeni di ipertensione, dei disturbi gastrointestinali e delle reazioni a livello cutaneo. Ma come si è detto, attenendosi alle dosi indicate, la taurina è considerata una sostanza sicura.

Spesso infatti, gli effetti indesiderati provocati dalle bevande energetiche, non sono dovute alla presenza della taurina in sé, ma al mix di sostanze stimolanti che questi prodotti contengono, dalla creatina, alla caffeina, alle dosi elevati di zuccheri o dolcificanti.

Per quanto riguarda questi drink in particolare, potrebbe accadere una loro assunzione continuata ed incontrollata porti,

  • ad un aumento della pressione del sangue e della frequenza cardiaca,
  • al mal di testa,
  • ad altri disturbi tipici di un’eccessiva dose di sostanze stimolanti.

Inoltre, l’abitudine a ricorrere spesso alle bevande energetiche a base di taurina e di stimolanti, potrebbe anche portare ad una certa assuefazione, con la conseguente necessità di dover aumentare le dosi.

Torna in alto