Vitamine e integratori

Funghi shiitake: proprietà, effetti benefici, valori nutritivi

Lo shiitake è una qualità di fungo conosciuta ed apprezzata in Cina ed in Giappone da circa 2000 anni.
Per le sue numerose qualità è sempre più apprezzato anche in occidente.
lentinula-edodes-fungo-shiitake

I funghi shiitake (lentinula edodes)

I funghi shiitake crescono spontaneamente solo nelle regioni montuose dell’Asia, mentre non trovano il loro habitat naturale in Europa e in America: secondo gli scienziati ciò può dipendere da una correlazione tra tifoni e la dispersione da un paese all’altro delle spore del fungo shiitake.

Crescono in autunno ed in primavera sui tronchi delle latifoglie, in particolare sui tronchi della quercia:  e shiitake significa appunto fungo della quercia. [12]

Oltre alle loro proprietà nutrizionali, i funghi shiitake, anche semplicemente conosciuti solo come shiitake (si pronuncia «sci tà ché») sono famosi per il loro intenso sapore, specialmente quando vengono cotti in acqua dopo essere stati stati essicati.

Per migliaia di anni sono stati una delle principali fonti alimentari per una gran parte delle popolazioni dell’Asia.

Questi piccoli funghi (di diametro compreso tra i 5 ed i 12 cm) sono anche conosciuti per le loro proprietà antivirali, antibatteriche e antimicotiche.

Ma anche per essere in grado di aiutare a tenere sotto controllo dei livelli di zucchero nel sangue, e di ridurre le infiammazioni presenti nel corpo. 

Anche se i funghi shiitake crescono spontaneamente in natura, quelli in commercio (quindi anche quelli degli integratori alimentari a base di  shiitake) provengono da coltivazioni “artificiali”.

La Cina copre circa l’80% del mercato. Altri grossi produttori sono gli Stati Uniti e il Giappone.

Lo shiitake anche oggi molto è conosciuto e popolare, ed è la terza specie più coltivata al mondo.

Occorre tuttavia precisare a questo riguardo, che spesso le tecniche per la loro coltivazione possono prevedere l’utilizzo di pesticidi, di fungicidi e di supporti (si tratta in questo caso di supporti che vengono impiegati per svolgere quelle funzioni che, in natura, sono della quercia) a base di segatura.

La limitata attività degli organi di controllo in alcuni dei paesi che coltivano artificialmente questi funghi (specialmente di quelli in quelli in via di sviluppo) fa si che in commercio si possano trovare le più svariate qualità di funghi shiitake: spesso anche pessime.

Per questa ragione è raccomandabile orientarsi verso dei marchi noti, verso dei prodotti biologici e certificati come l’ottimo Reishi Shiitake Maitake Bio – un integratore a base di estratti biologici titolato al 30% in polisaccaridi). [1]

I suoi effetti benefici per la salute

Una delle ragioni per cui sono così richiesti, è che i funghi shiitake sono funghi «unici» in quanto contengono molti composti chimici che potrebbero il nostro DNA dal danno ossidativo:

  • Il lentinano – che è un polisaccaride antitumorale isolato di funghi shiitake  – è in grado, per esempio, di guarire danni cromosomici causati da trattamenti antitumorali.
  • La eritadenina – un aminoacido in essi presente – giova ad abbassare i livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue ed a prevenire l’indurimento delle arterie. Favorisce, conseguentemente, la riduzione dell’ipertensione arteriosa: alcuni ricercatori della Shizuoka University (Giappone) hanno rilevato una significativa riduzione della concentrazione di colesterolo nel plasma del sangue, a seguito di una integrazione con sostanze eritadenine. [2]
  • tutti gli otto amminoacidi essenziali,
  • un acido grasso polinsaturo (diinsaturo) della famiglia omega 6, chiamato acido linoleico (da non confondersi con l’acido linolenico): l’acido linoleico ci aiuta nella perdita di peso e ad aumentare la muscolatura.

Una panoramica delle proprietà del fungo shiitake

Questo fungo, ha effetti benefici sulla costruzione dell’osso, migliora la digestione e riduce la nostra sensibilità alle allergie alimentari. [3]

combatte l’obesità

Alcuni componenti del fungo shiitake hanno degli effetti ipolipemizzanti (in grado, cioè, di ridurre la concentrazione dei lipidi nel sangue), come l’eritadenine ed il b-glucano (componente di fibre dietetiche solubili, che si trova anche nell’orzo, nelle segale e nell’avena): è stato rilevato che i b-glucani (o beta-glucani) possono rallentare l’assorbimento dei nutrienti aumentando la sazietà e favorendo una minore assunzione di cibo,  e, quindi, possono ridurre i livelli dei lipidi plasmatici (grasso).

Una ricerca -risalente al  2011, e pubblicata sul Journal of Obesity- aveva esaminato gli effetti del consumo di funghi shiitake su un campione di topi di laboratorio. I risultati a cui erano giunti i ricercatori furono che,

  • il fungo aveva constatato che alcuni ratti a cui era stata somministrata una dieta ricca di grassi per sei settimane avevano avuto effetti significativi sul loro peso corporeo:
  • quelli che avevano seguito una dieta con dosi elevate di fungo shiitake (aggiungendo, ad una dieta ricca di grassi, una polvere del fungo) avevano avuto una diminuzione del peso corporeo del 35 per cento, diminuzione superiore a quella dei ratti che avevano seguito una dieta con dosi medio-basse di funghi shiitake,
  • i ratti che avevano seguito una dieta a base di questi funghi, avevano mostrato una minore tendenza ad accumulare grasso ed anche una minore quantità di grassi corporei.

Questi ricercatori avevano perciò concluso che, quando ad una dieta ricca di grassi, vengono aggiunti i funghi shiitake, questi possono aiutare a prevenire l’aumento di peso corporeo e la deposizione di grasso e trigliceridi nel plasma.

Benché si rendano necessari ulteriori studi che vadano a confermare questi risultati, sicuramente le premesse sono incoraggianti. [4]

é di supporto al nostro sistema immunitario

Questo fungo ha la capacità di stimolare il nostro sistema immunitario, e di combattere molte malattie mediante l’apporto di importanti vitamine, minerali ed enzimi.

Uno studio clinico parallelo (studio clinico nel quale ogni gruppo di pazienti riceve simultaneamente un solo trattamento) del 2015 -pubblicato sul Journal of American College of Nutrition – volto a stabilire se i funghi shiitake potessero migliorare la funzione immunitaria, aveva preso in esame 52 uomini e donne sani di età compresa 21-41 anni, a cui erano stati somministrati 10 grammi di funghi al giorno.

Era emerso che il consumo di funghi shiitake aveva giovato al miglioramento della funzione delle cellule effettrici (cellule che mediano l’effetto finale della risposta immunitaria), vale a dire quella di migliorare la funzione immunitaria nell’intestino.

Il consumo dei funghi aveva prodotto anche una riduzione delle infiammazioni. [5]

può servire a distruggere le cellule tumorali

Da alcune ricerche sembra che i funghi shiitake aiutino a combattere le cellule cancerose, e che il lentinano (un polisaccaride) in essi contenuto aiuti a guarire i danni cromosomici causati dai trattamenti antitumorali.

Ciò induce a pensare che il fungo shiitake possa costituire un potenziale trattamento naturale del cancro.

I risultati di uno studio del 2006 – pubblicato sul The Jurnal of Alternative and Complementary Medicine – fanno pensare che, grazie alle loro proprietà, i funghi shiitake siano in grado di inibire la crescita di cellule tumorali, provocando l’apoptosi, quel il processo che determina la morte programmata di una cellula [6]

é di supporto alla nostra salute cardiovascolare

I shiitake contengono degli steroli  – una classe di composti chimici derivati dallo sterolo – che interferiscono con la produzione di colesterolo nel fegato.

Contengono anche dei potenti fitonutrienti che contribuiscono alla prevenzione della formazione della placca aterosclerotica.

Uno studio condotto presso la Tohoku University (Giappone) ha rilevato che i funghi shiitake avevano impedito, in dei ratti ipertesi, l’aumento della loro pressione sanguigna: l’alimentazione con funghi shiitake aveva portato ad una diminuzione delle lipoproteine  VLDL (Very Low Density Lipoprotein) e del colesterolo HDL, mentre un’alimentazione con i funghi maitake (altro fungo molto popolare in Cina e Giappone) aveva prodotto una diminuzione del solo VLDL. [7]

ha proprietà antimicrobiche

Uno studio del 2011 dell‘UCL Eastman Dental Institute di Londra (uno dei centri accademici più importanti del mondo per l’odontoiatria), aveva testato gli effetti antimicrobici del shiitake sulla gengivite, una malattia che – a causa della formazione di un biofilm microbico al margine gengivale – infiamma le gengive (una malattia che è possibile prevenire).

Il risultati ottenuti erano stati poi confrontati con quelli del componente attivo dei colluttori per le gengiviti – la clorexidina, che è un disinfettante di sintesi chimica ad azione antisettica ad ampio spettro d’azione -.

Ne era risultato che, a differenza della clorexidina che aveva avuto un effetto limitato su tutti gli organismi, l’estratto di funghi shiitake aveva ridotto il numero di microorganismi patogeni, senza alterare l’equilibrio dei taxa (taxa = unità tassonomiche) utili all’organismo. [8]

serve a tonificare il corpo, e giova alle funzioni cognitive

I funghi shiitake sono una grande fonte di vitamine del gruppo B, le quali giovano,

  • a sostenere la funzione surrenale,
  • a tramutare i nutrienti del cibo in energia utilizzabile,
  • a riequilibrare l’organismo,
  • a migliorare la memoria e  -più in generale- giovano alle prestazioni cognitive.

La carenza di una o di più vitamine del gruppo B porta a dei crolli di energia, a problemi alla pelle, a problemi ai capelli, ad annebbiamenti del pensiero.

L’aggiunta alla nostra dieta di funghi shiitake (o di integratori a base di estratto di fungo) apporta molte delle vitamine del gruppo B che ci sono necessarie ad evitare queste carenze. [9]

é una buona fonte di vitamina D

I funghi shiitake sono una buona fonte anche di vitamina D, una vitamina importante per la salute delle ossa.

Ma non solo: la vitamina D,

  • aiuta a ridurre i rischi di malattie cardiache, di diabete, di malattie autoimmuni e di alcuni tipi di cancro,
  • è essenziale per l’assorbimento ed il metabolismo di calcio e fosforo.
  • aiuta a regolare ed a sostenere il nostro sistema immunitario,
  • serve a mantenere il giusto peso corporeo,
  • giova a mantenere la funzione del cervello in linea con l’età anagrafica, a ridurre la gravità dei sintomi di asma,
  • é utile a ridurre il rischio di sviluppare l’artrite reumatoide nelle donne, ed a ridurre il rischio di sviluppare la sclerosi multipla.

Questi funghi, così come il salmone, i prodotti lattiero-caseari e le uova crude sono tra i cibi più ricchi di vitamina D. [10]

giova alla salute della nostra pelle

Cento grammi di funghi shiitake contengono 5,7 mg di selenio, ovvero l’8 % della dose giornaliera generalmente raccomandata (55 microgrammi).

Il selenio, assunto assieme alla vitamina A ed alla vitamina E, può contribuire a ridurre l’acne, ragion per cui questi funghi vengono considerati alla stregua di un valido rimedio naturale contro questa malattia.

In occasione di un recente studio – condotto nell’arco di 6-12 settimane – ventinove persone affette da questa malattia furono trattate per due volte al giorno con 0,2 mg di selenio e 10 milligrammi di tocoferolo succinato.

Alla fine del trattamento, queste persone avevano mostrato mediamente un miglioramento della loro condizione.

Lo zinco presente nei funghi shiitake favorisce anche la funzione immunitaria, e riduce l’accumulo di DH (Dermatitis herpetiformis –  dermatite erpetiforme, manifestazione cutanea legata alla celiachia). [11]

Valori nutrizionali dei funghi shiitake

A titolo informativo indichiamo i valori nutrizionali dei funghi shiitake – crudi – e di quelli essicati.

NB: I valori (ed i pesi) si riferiscono solo alla loro parte commestibile.

Tabella relativa al fungo shiitake crudo

nutriente unità per 100 gr. 1 fungo: 19 gr circa
Acqua g 89.74 17.05
Energia kcal 34 6
Proteine g 2.24 0.43
Lipidi totali (grasso) g 0.49 0.09
Carboidrati g 6.79 1.29
Fibra alimentare totale g 2.5 0.5
Zuccheri g 2.38 0.45
minerali
Calcio, Ca mg 2 0
Ferro, Fe mg 0.41 0,08
Magnesio, Mg mg 20 4
Fosforo, P mg 112 21
Potassio, K mg 304 58
Sodio, Na mg 9 2
Zinco, Zn mg 1.03 0.20
vitamine
Tiamina mg 0,015 0.003
Riboflavina mg 0,217 0,041
niacina mg 3.877 0,737
Vitamina B-6 mg 0.293 0,056
Folato, DFE mcg 13 2
Vitamina D (D2 + D3) mcg 0.4 0.1
Vitamina D IU 18 3
Lipidi
Acidi grassi trans totale g 0.000 0.000

Tabella relativa al fungo shiitake essicato

nutriente unità 100 g 1 fungo 3.6 grammi c.a. 4 funghi, 15 grammi circa
Acqua g 9.50 0,34 1.42
Energia kcal 296 11 44
Proteine g 9.58 0,34 1.44
Lipidi totali (grasso) g 0.99 0.04 0.15
Carboidrati g 75.37 2.71 11.31
Fibra alimentare totale g 11.5 0.4 1.7
Zuccheri g 2.21 0,08 0,33
minerali
Calcio, Ca mg 11 0 2
Ferro, Fe mg 1.72 0.06 0.26
Magnesio, Mg mg 132 5 20
Fosforo, P mg 294 11 44
Potassio, K mg 1534 55 230
Sodio, Na mg 13 0 2
Zinco, Zn mg 7.66 0,28 1.15
Vitamine
La vitamina C, acido ascorbico totale mg 3.5 0.1 0.5
Tiamina mg 0.300 0,011 0,045
Riboflavina mg 1.270 0,046 0.190
Niacina mg 14.100 0.508 2.115
La vitamina B-6 mg 0,965 0.035 0,145
Folato, DFE mcg 163 6 24
La vitamina B-12 mcg 0.00 0.00 0.00
Vitamina A, RAE mcg 0 0 0
Vitamina A, IU IU 0 0 0
Vitamina E (alfa-tocoferolo) mg 0.00 0.00 0.00
Vitamina D (D2 + D3) mcg 3.9 0.1 0.6
Vitamina D IU 154 6 23
Vitamina K (fillochinone) mcg 0.0 0.0 0.0
lipidi
Acidi grassi, saturi totale g 0.225 0,008 0,034
Acidi grassi monoinsaturi totale g 0,317 0,011 0,048
Acidi grassi polinsaturi totale g 0,151 0.005 0,023
Acidi grassi trans totale g 0.000 0.000 0.000
Colesterolo mg 0 0 0
Altro
Caffeina mg 0 0 0

Le controindicazioni

Questi funghi contengono una moderata quantità di purine (la purina è una molecola organica): una dieta ricca di purine può aumentare i livelli di acido urico nel corpo, il che comporta un maggiore rischio di contrarre la gotta.

Quindi, a chi ha gotta si consiglia una limitazione nella loro assunzione.

Alcune considerazioni conclusive

Molti considerano i funghi shiitake uno degli alimenti più sani esistenti sul pianeta. La medicina cinese li colloca tra le specie di funghi più utili per l’essere umano.

Perciò non è un caso che – per loro proprietà curative e medicinali – li si trovino in commercio anche sotto forma di integratori .

Se, come abbiamo visto, gli effetti benefici per la salute di questa specie di funghi sono innumerevoli, non va dimenticato che nel mondo culinario i funghi shiitake godono dello status di «gourmet».

Potresti essere interessato a:
Vitamine e integratori

Bacche di goji , le proprietà e le dosi giornaliere

Vitamine e integratori

La glucosamina solfato: efficacia, utilizzi, integratori

Vitamine e integratori

Salute delle ossa ed alimentazione: perché una dieta disintossicante non fa sempre bene

Vitamine e integratori

Meritene® Forza e Vitalità: le 4 versioni, dove acquistarlo, prezzi