Gli effetti collaterali degli integratori a base di olio di pesce

L’olio di pesce

L’olio di pesce

L’Olio di pesce è la maggiore fonte alimentare di omega 3.

Gli acidi grassi omega-3 contenuti nei cibi e negli integratori sotto forma di acido eicosapentaenoico (EPA), di acido docosaesaenoico (DHA) e di acido alfa-linoleico, apportano diversi benefici alla nostra salute.

Sono molti gli studi che hanno dimostrato che assumere giornalmente una quantità compresa tra i 2 e i 4 grammi di acidi grassi omega-3 può ridurre dal 20 al 45% i livelli di trigliceridi.

Ovviamente, piuttosto che dagli integratori alimentari è preferibile ottenere questi grassi dai cibi che ne sono naturalmente ricchi. A questo riguardo, per quanto attiene al loro contenuto in acidi grassi omega-3, occorre considerare relativamente (solo per fare alcuni esempi),

  • al pesce grasso (salmone, acciughe, aringhe, tonno), che la AHA  (American Heart Association, ente che si occupa di ridurre le morti dovute a problemi cardiaci ed a ictus) consiglia di consumarne due portate a settimana;
  • alle noci, che ci sono degli studi che hanno dimostrato che una manciata di noci – classiche, noci di pecan o mandorle – può avere un impatto positivo sul nostro profilo lipidico;
  • agli oli, che il fatto di utilizzare determinati oli per cucinare, come ad esempio quelli di canola, d’oliva e oli vegetali, fornisce un maggior apporto di grassi omega-3 rispetto a quello degli altri tipi di oli.
Gli integratori di olio di pesce

Gli integratori a base di olio di pesce

Se non ti và di assumere attraverso gli alimenti le quantità settimanali di pesce grasso consigliate, o non ti piacciono gli altri cibi contenenti grassi omega-3, potresti provare ad ottenerli gli integratori a base di olio di pesce. Come quelli indicati di seguito che a noi paiono particolarmente interessanti.

[content-egg-block template=custom/custom]

Anche se il fatto di fare uso di questi integratori da banco possa sembrarci un modo più facile e meno dannoso per migliorare la salute del nostro cuore ed i livelli di trigliceridi, occorre fare attenzione che possono esserci anche degli effetti collaterali associati al loro utilizzo.

Infatti questi integratori sembrano avere effetti dose-dipendenti ovvero, maggiore è la dose che si assume maggiore sarà la probabilità di essere poi colpiti da uno o più di questi effetti collaterali.

Effetti collaterali

Possibili effetti collaterali ed interazioni

Gli effetti collaterali maggiormente associati all’utilizzo dell’olio di pesce sono costituiti,

  • dalla nausea,
  • dalla diarrea,
  • dal reflusso acido,
  • dal dolore addominale,
  • da eruttazioni che lasciano un retrogusto di pesce.

Assumere elevate dosi di grassi omega-3 – compresi quelli contenuti negli integratori a base di olio di pesce – potrebbe anche causare delle interazioni con alcuni farmaci. Ciò é particolarmente vero quando si stanno assumendo degli anticoagulanti, oppure quando si ha il diabete.

Le dosi di acidi grassi omega-3 maggiori di 3 grammi, potrebbero aumentare il rischio di sanguinamenti anche se non si stanno assumendo degli anticoagulanti.

In aggiunta a ciò, le grandi quantità di omega-3 contenute nell’olio di pesce potrebbero aumentare leggermente i livelli di glicemia. In questi casi, il medico curante potrebbe decidere di modificare o d’interrompere il dosaggio di olio di pesce che aveva prescritto.

Alcune avvertenze

Se assumi degli integratori a base di olio di pesce ed hai accusato uno qualsiasi degli effetti collaterali descritti sopra, sappi che esistono dei modi per minimizzarli.

Comunque se vuoi utilizzare gli integratori a base di olio di pesce per ridurre i tuoi livelli di trigliceridi, dovresti per prima cosa discuterne con il tuo medico. In ogni caso, se gli effetti collaterali diventassero troppo fastidiosi, dovresti smettere con l’olio di pesce e vedere col medico quali potrebbero essere la opzioni alternative per ridurre i tuoi livelli trigliceridi.