Rischi derivanti da una prolattina alta

L’iperprolattinemia, ovvero livelli elevati di prolattina nel sangue, è associata a una serie di rischi e complicazioni oltre a quelli cardiovascolari, diabetici e ipertensivi. Ecco un elenco di altri rischi associati all’iperprolattinemia, supportati da fonti autorevoli.

Disturbi riproduttivi

Negli uomini l’iperprolattinemia può causare disfunzione erettile, riduzione della libido e infertilità a causa della soppressione della secrezione di gonadotropine (luteinizzante e follicolo-stimolante).

Nelle donne la prolattina alta può portare a irregolarità mestruali, amenorrea (assenza di mestruazioni) e galattorrea (produzione di latte al di fuori dell’allattamento).

Disturbi ossei

L’iperprolattinemia cronica può portare a una riduzione della densità ossea (osteopenia e osteoporosi) a causa della carenza di estrogeni nelle donne e di testosterone negli uomini, entrambi importanti per la salute ossea.

Disturbi psichiatrici

Elevati livelli di prolattina sono stati associati a disturbi dell’umore, inclusa la depressione e l’ansia. L’iperprolattinemia può influenzare la funzione del sistema nervoso centrale e il comportamento.

Problemi visivi

L’iperprolattinemia causata da un prolattinoma (tumore pituitario) può portare a disturbi visivi se il tumore cresce abbastanza da comprimere il nervo ottico.

Obesità e sindrome metabolica

prolattina sierica
Immagine: omniasalute.it

L’iperprolattinemia è stata associata a:

  • un aumento del peso corporeo
  • allo sviluppo della sindrome metabolica, che include una serie di condizioni come:
    • l’aumento del grasso addominale,
    • l’ipertensione,
    • l’iperlipidemia
    • la resistenza all’insulina.
  • aumentato rischio di eventi cardiovascolari, come infarto miocardico e insufficienza cardiaca

Insomma, una serie di condizioni molto serie ed importanti, dal punto di vista sanitario. Di positivo c’è che la relazione tra la riduzione dei livelli di prolattina e il miglioramento queste condizioni è stata oggetto di numerosi studi che hanno dimostrato che la riduzione dei livelli di prolattina attraverso l’uso di agonisti della dopamina, come la cabergolina, può:

  • migliorare la sensibilità all’insulina e ridurre i livelli di glucosio nel sangue.
  • ridurre la pressione sanguigna.
  • migliorare il profilo lipidico e ridotto i marcatori infiammatori, suggerendo una diminuzione del rischio cardiovascolare.

Malattie Autoimmuni

Alcuni studi suggeriscono che l’iperprolattinemia possa essere associata a un aumentato rischio di sviluppare malattie autoimmuni, come il lupus eritematoso sistemico (LES).

Disturbi Dermatologici

L’iperprolattinemia può portare a disturbi dermatologici come acne e irsutismo (eccessiva crescita di peli) nelle donne, a causa dell’effetto degli elevati livelli di prolattina sulla produzione di androgeni.

Conclusione

L’iperprolattinemia è associata a una vasta gamma di rischi e complicazioni che vanno oltre le condizioni cardiovascolari. È fondamentale una diagnosi tempestiva e una gestione adeguata (che può essere, nella maggior parte dei casi, solamente farmacologica; chirugica, in altri casi) per mitigare questi rischi e migliorare la qualità della vita dei pazienti affetti.

Fonti

  1. Biller, B. M. K., & Luciano, A. (1994). The diagnosis and treatment of hyperprolactinemia. Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, 79(5), 1392-1396. doi:10.1210/jcem.79.5.7962278.
  2. Schlechte, J. A. (2003). Long-term management of prolactinomas. Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, 88(7), 2658-2661. doi:10.1210/jc.2003-030215.
  3. Bushe, C., Shaw, M., Peveler, R., & Pendlebury, J. (2008). A review of the association between antipsychotic use and hyperprolactinaemia, with recommendations for management. Journal of Psychopharmacology, 22(2 Suppl), 46-55. doi:10.1177/0269881107078321.
  4. Melmed, S. (2011). Medical progress: Acromegaly. New England Journal of Medicine, 355(24), 2558-2573. doi:10.1056/NEJMra062453.
  5. Pivonello, R., Ferone, D., De Herder, W. W., Kros, J. M., & Colao, A. (2008). Dopamine receptor agonists in the treatment of pituitary adenomas. Endocrine Reviews, 29(6), 658-713. doi:10.1210/er.2007-0036.
  6. Orbach, H., & Shoenfeld, Y. (2007). Hyperprolactinemia and autoimmune diseases. Autoimmunity Reviews, 6(8), 537-542. doi:10.1016/j.autrev.2007.02.008.
  7. Majumdar, A., & Mangal, N. S. (2013). Hyperprolactinemia. Journal of Human Reproductive Sciences, 6(3), 168-175. doi:10.4103/0974-1208.121400.
  8. Kok, P., Roelfsema, F., Frölich, M., Meinders, A. E., & Pijl, H. (2011). Prolactin reduction with cabergoline improves insulin sensitivity in patients with prolactinomas. European Journal of Endocrinology, 165(5), 865-872. doi:10.1530/EJE-11-0538.
  9. Colao, A., Pivonello, R., Di Somma, C., Savastano, S., & Lombardi, G. (2008). Effects of cabergoline treatment on cardiovascular risk factors in female patients with prolactinomas. Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, 93(5), 1899-1906. doi:10.1210/jc.2007-2130.
  10. Auriemma, R. S., De Alcubierre, D., Pirchio, R., Pivonello, R., & Colao, A. (2013). Effect of cabergoline on metabolism of patients with prolactinomas. Neuroendocrinology, 98(4), 299-310. doi:10.1159/000355383.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *